FacebookOknotizieLinkedInPrintShare

SINISTRA E MERCATO – Un matrimonio difficile ma necessario

Si deve essere estremamente preoccupati delle condizioni in cui versa l’istituzione scolastica nel nostro paese; negli anni il progressivo diminuire delle risorse disponibili, il loro cattivo utilizzo, sovente i tagli indiscriminati e l’assenza di politiche e strategie lungimiranti hanno duramente colpito la scuola italiana. Le trasformazioni sociali che hanno attraversato negli anni scorsi il Paese, poi, si sono abbattute in modo dirompente su questo settore che spesso ha agito come avamposto in trincea della società, mal difeso nelle retrovie, e delegato dallo stato a responsabilità altissime e fondamentali.

collana:
Anno: 01/07/2010 | Pagine: 192 | € 16,00 | ISBN: 9788874246380

Il libro

La crisi economica mondiale riporta all’attenzione tematiche alla base del “patto socialdemocratico”, in primis la necessità di bilanciare libertà dell’individuo e giustizia sociale, e la ricerca di un equilibrio fra il campo d’azione dello stato e il mercato.

Dai recenti dibattiti sollevati con la recessione alla pubblicazione dell’enciclica papale Caritas in veritate, alla discussione attorno alla cosiddetta
 “economia sociale di mercato”, analizzando per la prima volta senza censure il vituperato rapporto tra cooperazione e partiti politici italiani, attraverso esempi concreti come il controverso caso Unipol-Bnl scoppiato nel 2005, il libro di Mattia Granata smaschera le contraddizioni che minacciano la compattezza della sinistra italiana. Non solo: l’autore porta alla luce nodi gordiani da sciogliere per modernizzarne la cultura e inaugurare una nuova epoca del progressismo sulle macerie di ideologie ormai crollate da vent’anni.

L’identità culturale e politica delle sinistre si è sempre fondata su una visione economica totalizzante: ritrova-
re convinzioni, credenze e valori coinvolgenti, significa rinsaldarne l’identità stessa.

Dalla stessa collana