FacebookOknotizieLinkedInPrintShare

A SINISTRA NELLA FOTO

«Il cane più mio (una cagnolina) fu un terrier fulvo col quale riuscii ad avere un rapporto diverso dalla solita intesa che ogni volta stabilisco con i compagni della mia vita. Era convinta (un’osservazione del nostro veterinario, non mia) che io fossi il maschio della sua specie. Un fastidioso equivoco al quale nessuno poteva rimediare».

collana:
Anno: 07/12/2011 | Pagine: 128 | € 15,00 | ISBN: 9788874248254

Il libro

Dall’amore per i suoi cani alla dedizione per l’amato teatro. Dagli scritti di Pier Paolo Pasolini alla passione per il racconto televisivo. Dagli anni della guerra a quelli di Silvio Berlusconi. In questa conversazione Enrico Vaime apre il suo album dei ricordi raccontando gli episodi più memorabili e divertenti della sua intensa vita di uomo e di intellettuale non organico al sistema. Il fascismo, i bombardamenti, il boom economico, la televisione, gli scrittori, gli attori, il cinema, Berlusconi e D’Alema, il sud Italia, i cani e il futuro, sono solo alcuni dei temi trattati. Irriverente, sarcastica, a tratti cinica, ma anche melanconica e passionale, la narrazione di Vaime porta sempre sorprese, con quella capacità unica, appresa da un grande maestro come Ennio Flaiano, di rovesciare le situazioni drammatiche e renderle esilaranti. In queste pagine il lettore verrà accompagnato lungo i decenni del secolo scorso grazie a episodi celebri, personaggi indimenticabili e racconti epici di un’Italia ormai passata. Senza rinunciare a un’attenta analisi del nostro tempo, Vaime mescola finzione e realtà per irridere i nostri vizi ed esaltare le nostre virtù. Un viaggio nella parola dedicato ai suoi tanti lettori ma anche a chi non ha ancora avuto modo di incontrare questo grande personaggio della cultura italiana.

Dallo stesso autore

Dalla stessa collana