FacebookOknotizieLinkedInPrintShare

BUGIARDI. Tutte le balle della casta

«Una cosa ho chiara nella mente: che alla fine del mio mandato non voglio nessun altro incarico. Fare il sindaco lo considero il mio ultimo lavoro in politica».
Walter Veltroni, febbraio 2003

«Non abbiamo nessuna intenzione di fondare un nuovo partito politico. Niente di tutto questo. Ci sono state semplicemente cinque o sei cene private, a casa di amici, senza nessuna regia, nelle quali in modo molto naturale e
informale ci siamo detti che anche noi avremmo dovuto fare attenzione a quello che sta succedendo nel Paese».
Silvio Berlusconi, 28 luglio 1993

Anno: 07/12/2011 | Pagine: 105 | € 12,00 | ISBN: 9788874248223

Il libro

Non c’è partito, schieramento o personaggio politico che ne sia immune: quello di dire le bugie in Italia è un virus più che un vizio, un modo di essere più che un’abitudine. Nell’epoca dei mezzi di comunicazione di massa e dei talk show, l’argomentazione ha ceduto il passo alla declamazione, e i fatti sono stati sostituiti dalle opinioni. Non importa cosa si dice: l’importante è dirlo forte, in una sorta di gara a chi la spara più grossa.
Bugiardi non ha la pretesa di raccogliere tutte le menzogne e le false promesse dei politici di turno – del resto, sarebbe un’impresa impossibile – ma ce ne offre un’antologia ricca e aggiornata in cui, con tagliente ironia e impeccabile imparzialità, l’autrice smaschera l’ipocrisia della Casta, che troppo spesso crede di poter prendere in giro impunemente i propri elettori.

Dalla stessa collana